Termoconvettori, quando (e quali) servono?

A volte l’impianto di riscaldamento basta e avanza, a volte no. Quando è insufficiente possono supplire alla carenza di calore i termoconvettori. I migliori modelli scaldano molto e consumano poco. Quali termoconvettori scegliere, fra le tante proposte di mercato? Se si riesce ad isolare i vari ambienti domestici tappando gli spifferi e chiudendo porte e finestre, si potrà ottenere il massimo beneficio dai termoconvettori a pannelli riscaldanti a parete, da posizionare sotto le finestre o in prossimità dei punti che più necessitano di riscaldamento. Questi modelli offrono un comfort termico più delicato e soffuso, che fa circolare l’aria in modo uniforme. Inoltre, sono dispositivi ‘intelligenti’ in quanto, via via che sale l’aria calda, i pannelli la dirottano dove c’è bisogno, ossia nei punti più freddi della stanza. In alternativa, si possono scegliere dei condizionatori d’aria che funzionano a cicli inversi… Leggi Tutto

Cuscini per cervicale: come (e quali) vanno usati

Chi soffre di cervicalgia e fa un uso intensivo, seppur graduale, dei cuscini per cervicale ottiene i migliori benefici, ricevendone un sollievo pressoché immediato. Da segnalare che esistono diverse tipologie di cuscini cervicali strutturati in modo diverso a seconda se si dorme di fianco o supini. In quest’ultimo caso si trovano cuscini con una particolare sagomatura che prevede una cavità centrale deputata all’accoglimento della testa di chi, solitamente, dorme a pancia in su. In generale, l’uso di cuscini per cervicale è un metodo correttivo che, nelle intenzioni, dovrebbe alleviare il dolore a collo e schiena a chi è affetto da cervicalgia. Fra i migliori cuscini per cervicale in commercio si segnalano, oltre ai classici in memory foam, i cuscini riempiti in fibra di poliestere non allergenico, con fodera in cotone, di dimensioni standard, in vendita fra i 40 e i… Leggi Tutto